Empoli, Andreazzoli: "Guai a sottovalutare l'Ascoli"

09.02.2018 19:33 di Redazione TuttoAscoliCalcio Twitter:   articolo letto 99 volte
Fonte: Empoli Calcio
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Empoli, Andreazzoli: "Guai a sottovalutare l'Ascoli"

Il tecnico azzurro Aurelio Andreazzoli ha parlato in conferenza nella sala stampa Antonio Bassi dello stadio Castellani in vista della gara di domani con l´Ascoli.

"Il rischio potrebbe essere quello di sottovalutare l´impegno – ha detto il tecnico azzurro - pensando di aver già vinto prima di entrare in campo, ma non credo succeda questo ai miei: in settimana abbiamo lavorato tanto, viaggiando a ritmi alti ma sempre a basso profilo. Nelle ultime due settimane abbiamo ottenuto risultati roboanti, ma non voglio che si crei un entusiasmo eccessivo. Voglio che la squadra, come detto, mantenga un profilo basso, ma abbia la consapevolezza di aver fatto buone cose. Troppo entusiasmo a me non piace"

"Domani affrontiamo una squadra che nella gestione di Cosmi ha cambiato rispetto al passato - ha proseguito Andreazzoli - stanno viaggiando ad una media di 1,3 punti a partita, una media che li condurrebbe ad una salvezza tranquilla. A caccia di punti? Credo che non ci sia squadra che non ne ha bisogno per raggiungere i rispettivi obiettivi". 

"In questo periodo stiamo facendo bene – ha concluso il tecnico azzurro - ma la cosa che mi ha colpito maggiormente è la consapevolezza che abbiamo acquisito, consapevolezza dovuta a numerose situazioni. Siamo stati bravi ma le cose non vengono da sole_ stiamo dedicando molto tempo al lavoro, ci stiamo facendo tutti quanti il mazzo a partire da me, dai miei collaboratori fino inevitabilmente ai calciatori. Siamo sicuri di quello che siamo e di quello che vogliamo e speriamo di proporre sempre quello che ci prefissiamo. I 30 passaggi del 2-0 col Palermo? Mi dispiace perché anche il primo e il terzo gol sono arrivati dopo tanti passaggi ma non sono stati esaltati nella stessa maniera. La cosa importante, al di là del discorso numerico, è riuscire chiudere l´azione, finalizzando al meglio il possesso. Questa è l´idea che avevo e che porto avanti e sono contento che ci siano riscontri. Ripeto però che non dobbiamo cullarci troppo su quanto fatto ma pensare a ripeterci domani".