Trapani-Ascoli, Castori: "Ascoli forte ma noi dovevamo vincere e abbiamo vinto"

18.01.2020 17:18 di Redazione TuttoAscoliCalcio Twitter:    Vedi letture
© foto di Nicola Ianuale/tuttoSALERNITANA.com
Trapani-Ascoli, Castori: "Ascoli forte ma noi dovevamo vincere e abbiamo vinto"

Fabrizio Castori ha commentato in conferenza stampa il successo contro l'Ascoli: "Abbiamo interpretato la partita in maniera ottima, si è vinto e si doveva vincere per il nostro campionato. Abbiamo vinto contro una squadra forte. Abbiamo preso il gol ma non ci siamo demoralizzati. La vittoria ottenuta cosi da tanta forza interiore e grande autostima. Inoltre, si iniziano a vedere i frutti del nostro lavoro che devono portarci alla salvezza".

E' questo il tipo di squadre che vuole: "E' solo l'inizio. Io nelle prime due partite non ho cambiato molto tatticamente ma ho cercato di trasmettere altro alla squadra. Ci mancano i due punti contro il Perugia, oggi dovevamo solo vincere. Questa vittoria dev'essere l'inizio ma abbiamo capito cosa dobbiamo fare per la salvezza, ma la strada è ancora in salita".

Alla vigilia ha parlato di squadra folle e coraggiosa: "Mi hanno preso a parola i ragazzi. Questa è l'unica via, per correre in partita dobbiamo correre molto in allenamento".

Cosa è cambiato tra i due tempi: "Abbiamo giocato a 4 nel primo tempo. Il gol preso capita quando affronti una squadra che ha il trequartista. Nel secondo tempo gli ho detto di giocare su più linee di copertura a metà campo senza prendere l'imbucata sul trequartista".

Vittoria che va oltre i tre punti: "La follia la intendo come coraggio, senza non vinci le partite. Anche in dieci siamo rimasti con due punti senza mettere un difensore. E' stato un messaggio chiaro per la squadra. A livello tattico ho trasmesso la fiducia che avevo in loro. Siamo folli ma non stupidi".

Su Pettinari: "Ha fatto una gran partita come tutti. Quando vinci cosi il merito va a tutti, non mi piace fare graduatorie di merito, tutti hanno fatto una gran partita".

Sull'arbitraggio: "L'arbitro è una variabile. L'espulsione è stata severa, non esiste quel cartellino. Però non abbiamo trovato alibi, vittoria doveva essere e vittoria è stata".