CorrAdriatico - Bellini, lavori in corso per vendere il Picchio

12.06.2018 17:54 di Redazione TuttoAscoliCalcio Twitter:   articolo letto 499 volte
CorrAdriatico - Bellini, lavori in corso per vendere il Picchio

L’Ascoli è diviso tra il gruppo Bricofer e un altro importante gruppo imprenditoriale del Lazio che fa parte di una grossa compagnia industriale con basi dislocate su tutto il territorio nazionale, ma il giro non è ristretto a questi due bensì ad altri che si stanno affacciando con tentativi anche se ancora velati, senza dimenticare che c’è ancora la Re Outsider con quotazioni però in ribasso. Insomma l’Ascoli è ad un bivio, la scelta non è facile, il patron Francesco Bellini ha incontrato i due gruppi più quotati,mentre per gli altri ci hanno pensato i suoi commercialisti.LaBricofer con sede centrale a Roma è in trattativa con la proprietà da alcuni giorni, sabato scorso c’è stato un ulteriore incontro nella capitale che però non ha prodotto nessuna novità rilevante rispetto al precedente incontro, il giorno successivo ovvero domenica la proprietà bianconera ha incontrato per la seconda volta l’altro grande gruppo imprenditoriale, non sono emerse notizie dal summit, ma sembra che il vertice, al quale hanno partecipato i rispettivi patron abbia prodotto soddisfazione da entrambi leparti.Ma tutto è ancora in sospeso. Ogni trattativa intavolata va avanti, la decisione che Bellini prenderà sarà quella definitiva, certo è che in ogni ora che passa possono esserci evoluzioni come in qualsiasi compravendita che si rispetti. Il patron ha fatto ai gruppi le stesse richieste, ora chi darà maggiori garanzie economiche e professionali avrà le chiavi dell’Ascoli Picchio. In fondo Bellini è abituato a trattative importanti fa parte anche del suo lavoro di ricercatore farmaceutico, è riuscito a creare un impero dall’altra parte dell’oceano con diramazioni anche in Europa e in altre parti del mondo, di sicuro saprà come muoversi per quanto riguarda la cessione dell’Ascoli Picchio. Una cessione annunciata da tempo dallo stesso Bellini che vive oltre in Canada e non può seguire da vicino le vicende bianconere, inoltre il Canada non si trova dietro l’angolo. Certo la possibile cessione del club ha avuto una forte accelerata negli ultime due mesi costellati da continue contestazioni alla società. Il tutto dovrebbe essere più chiaro nei prossimi giorni, ma le trattative vanno vagliate senza fretta.