Può finalmente esultare Alfredo Aglietti, per i playoff raggiunti dal suo Chievo grazie al 3-0 contro l’Ascoli. Queste le sue dichiarazioni ai canali ufficiali del club dopo la partita.

Mister partirei dalla fine, ovvero dall’obiettivo playoff raggiunto chiudendo all’ottavo posto.
“Risultato bellissimo e strameritato, per quello che abbiamo fatto durante tutto l’anno. I ragazzi lo volevano con le unghie e con i denti e non è stato facile. Entriamo con l’ultimo posto disponibile, ma non per questo partiremo battuti nella partita di Venezia. Faccio tanti complimenti a tutti quanti, in particolare al mio staff che dietro le quinte fa un grandissimo lavoro. Importante anche lo staff sanitario, impegnato soprattutto in questo periodo per rimettere in sesto tutti i giocatori. Ovviamente anche ai ragazzi, perché è stato un anno bellissimo in cui siamo sempre stati in zona playoff. Nell’ultimo periodo siamo un po’ calati, ma abbiamo tenuto botta e questa partita deve darci lo slancio giusto per andare a Venezia sapendo di avere poco da perdere e tanto da guadagnare”.

Il fatto di entrare nei playoff di slancio può dare la spinta giusta ai tuoi ragazzi?
“Certamente. Bisogna ricordare che il campionato di Serie B è lungo e che noi abbiamo avuto delle difficoltà dopo un ottimo girone d’andata. L’Ascoli invece ha fatto un grande girone di ritorno così come il Brescia, che entra di slancio nei playoff come noi. Questo campionato non finisce mai, i momenti difficili sono sempre dietro l’angolo: bisogna saperli gestire, soprattutto quest’anno con la situazione del Covid. Per questo voglio fare i complimenti a tutti: abbiamo gestito bene anche i momenti difficili a magari qualcuno ha storto un po’ la bocca per qualche risultato, ma bisogna anche capire i motivi di certi risultati. Le prestazioni positive le abbiamo sempre fatte tranne in qualche partita: per lottare per qualcosa in più magari c’è mancato un bomber vero, ma credo che siamo la squadra con più giocatori in gol e con le 3 di oggi siamo arrivati a 50 reti. La dimostrazione di un lavoro collettivo importante”.

La squadra oggi ha superato l’ennesima prova di maturità: può portare questo bagaglio tra tre giorni a Venezia?
“Assolutamente sì. L’Ascoli è venuto qui e ha dato spazio a chi aveva giocato meno, ma così facendo per noi è stato più difficile perché loro erano più freschi sia a livello fisico che mentale. I ritmi erano bassi, per le tante partite ravvicinate e per il caldo. L’abbiamo gestita bene, concedendo poco e ottenendo un risultato a mio avviso giusto. La squadra ha fatto una partita intelligente: ci godiamo questo momento, da domani testa a Venezia”.

Sezione: Avversario / Data: Lun 10 maggio 2021 alle 21:30
Autore: Redazione TuttoAscoliCalcio / Twitter: @TuttoAscoli
Vedi letture
Print