In attesa della decisione se giocare o meno, che verrà presa mercoledì prossimo, non si placa la rabbia del presidente dell’associazione calciatori Damiano Tommasi che anche ieri ha replicato alla Figc:«Le società non vogliono pagare i calciatori che devono tornare in campo con un solo mese di stipendio quando dovrebbero averne cinque – dice l’ex centrocampista della Roma - L’opinione comune però è che il calciatore non può lamentarsi. C’è chi in questi giorni è in grande difficoltà e chi pensa invece a grandi ingaggi».

Sezione: News / Data: Dom 24 maggio 2020 alle 14:00 / Fonte: Corriere Adriatico
Autore: Redazione TuttoAscoliCalcio / Twitter: @TuttoAscoli
Vedi letture
Print