Quando il patron dell’Ascoli Massimo Pulcinelli ha deciso di esonerare Stellone (da poco subentrato a Zanetti) per affidare la squadra al tecnico della Primavera Abascal, il fantasma del Coronavirus si stava appena materializzando sul calcio italiano. Era il 9 marzo, ma non c’è stato il tempo per definire l’avvicendamento e, con la stagione che rischia di finire qui, non avverrà. «C’è poco da dire, se non che Stellone è l’allenatore della prima squadra e Abascal quello della Primavera», spiega Pulcinelli. Non c’è stato tempo e modo per rescindere il contratto con scadenza giugno 2021. «Abbiamo cercato di risolverlo attraverso il buon senso; non c’è stato né accordo, né disaccordo fra società e tecnico, per cui Stellone ufficialmente è ancora l’allenatore dell’Ascoli».

Sezione: Primo Piano / Data: Mar 31 marzo 2020 alle 09:26 / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Redazione TuttoAscoliCalcio / Twitter: @TuttoAscoli
Vedi letture
Print