Petrucci ha caratteristiche particolari. Si trova molto bene con giocatori offensivi come Gianluca Scamacca, da poter servire con i suoi lanci, deve però essere più incisivo in fase di non possesso e soprattutto in fase difensiva. Considerato l'erede di Francesco Totti, romano come lui, al calcio italiano ha però preferito quello estero. Il talento è rimasto lo stesso di quando era ragazzino e indossava la maglia della Roma, lo si vede chiaramente quando ha la palla al piede, ma ancora non è il vero Petrucci: il giocatore sta ritrovando se stesso e lo sta facendo nel campionato di serie B con l'Ascoli. Appare chiaro che da lui ci sia aspetta molto di più di quello che sta facendo. Una scommessa voluta da Tesoro, che crede fortemente nelle qualità del ragazzo, una scommessa che però il direttore sportivo non vuole perdere: lo ha riportato in Italia, gli ha affidato il reparto di centrocampo.

Sezione: Rassegna Stampa / Data: Mar 15 ottobre 2019 alle 12:00 / Fonte: Corriere Adriatico
Autore: Redazione TuttoAscoliCalcio / Twitter: @TuttoAscoli
Vedi letture
Print