Festa di compleanno con gol-vittoria per Firenze, Venezia che ritorna al successo al Penzo dopo 7 mesi e mezzoe8tentativiavuoto. Esordio amaro per Dionigi: il suo Ascoli si ferma ai pali, l’ultimo di Andreoni in pieno recupero. Balzo in avanti del Venezia in classifica, Ascoli alla terza sconfitta di fila dopo la ripresa. Aramu si fa perdonare dopo 8’ il rigore fallito con il Pordenone, il trequartista è il più lesto a inzuccare una corta respinta di Leali sulla percussione a sinistra di Capello, anche se a metà frazione esce per infortunio ed entra Firenze. In un minuto il match cambia: Capello fallisce clamorosamente il raddoppio a porta vuota, sul capovolgimento di fronte Scamacca trasforma in oro il traversone di Ninkovic, che poi si divora il sorpasso. Al ritorno in campo, il Venezia è prevedibile, l’Ascoli pressa e fa tremare il Penzo con Brosco, prima murato da Lezzerini (3’) e poi respinto dal palo (13’). La gara si accende al 21’: punizione dal limite, la palombella di Firenze non lascia scampo a Leali. L’Ascoli va all’arma bianca,Venezia che trema al 47’, ma il palo salva ancora Lezzerini.

Sezione: Rassegna Stampa / Data: Sab 27 giugno 2020 alle 10:30 / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Redazione TuttoAscoliCalcio / Twitter: @TuttoAscoli
Vedi letture
Print