CorrAdriatico - Bravo Ascoli, pari pesante

01.12.2019 09:00 di Redazione TuttoAscoliCalcio Twitter:    Vedi letture
Fonte: Corriere Adriatico
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
CorrAdriatico - Bravo Ascoli, pari pesante

L'Ascoli esce dall'Arechi con un buon pareggio ma recrimina per la mancata vittoria negata solo da un Micai in evidente giornata di grazia. Inizia con personalità la squadra di Zanetti che prova sin da subito a imporre il proprio gioco con un buon possesso di palla, mentre gli uomini di Ventura provano a chiudere gli spazi di manovra agli avversari. Bisogna attendere il 15' per il primo sussulto ad opera della Salernitana. È Lombardi che dalla destra punta Padoin all'interno dell'area e da posizione defilata fa partire un tiro sul primo palo che Leali devia in angolo.
Brlek sfiora il gol
La prima occasione dell'Ascoli è al minuto 23 quando Cavion dalla destra fa partire un bel cross che pesca Brlek sul secondo palo ma il centrocampista si impappina a due passi dalla linea di porta e mette sul fondo. Un minuto più tardi la Salernitana passa. È il solito Lombardi che dalla corsia di destra si accentra, Padoin non chiude e l'esterno della Salernitana, arrivato ai venti metri, lascia partire una rasoiata di sinistro che batte Leali. La squadra di Zanetti prova subito a reagire e al 26' Scamacca, pescato in area, fa partire un tiro velenoso che costringe Micai a rifugiarsi in angolo. A questo punto la Salernitana è abile ad amministrare e a cercare di far male di rimessa. Al 37' è il solito Lombardi a puntare Brlek e a impensierire Leali.
La fiammata di Chajia
Sul finire del tempo c'è una fiammata di Chajia che innesca Da Cruz ma il tiro dell'attaccante bianconero si perde sull'estero della rete. Dopo il riposo, l'Ascoli torna in campo deciso a mettere alle corde la Salernitana. Dopo appena due minuti, da un disimpegno sbagliato di Karo di testa la palla giunge a Chajia che al volo saggia i riflessi del portiere di casa. Zanetti capisce che è il momento di osare e getta nella mischia Ardemagni al posto di un appannato Brlek. In questo segmento di partita l'Ascoli diventa di fatto padrone del campo e mette spesso alle corde la squadra di Ventura, seppure non riesca a lasciare il segno in fase offensiva. 
Gol annullato ai campani
Al 13' l'arbitro annulla un gol obiettivamente regolare a Gondo, considerato in fuorigioco al momento del tap in sul tiro di Lopez respinto da Leali. Passata la paura, i bianconeri tornano a macinare gioco e al 18' trovano il pareggio con il solito Scamacca sugli sviluppi di un calcio d'angolo battuto da Petrucci. L'Ascoli non si ferma e prova a conquistare la vittoria, negata solo dalle parate decisive di Micai prima su Cavion (29') e poi su Petrucci in pieno recupero. All'ultimo respiro è però Leali a sfoderare una prodezza su Djuric evitando la beffa. Finisce 1-1 e per i bianconeri è un buon punto per restare in zona playoff.