Le Pagelle - Ascoli in apnea. Baroni ci impartisce una lezione di calcio

 di Manuel Fioravanti  articolo letto 3608 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Le Pagelle - Ascoli in apnea. Baroni ci impartisce una lezione di calcio

LANNI 6: Subisce il gol da calcio piazzato. Selva di uomini davanti a lui e non vede la palla. Per il resto non deve fare granchè se non un intervento agevole a metà primo tempo sul quale si piega con bravura.

MOGOS 4.5: Scelta scriteriata e scellerata di Aglietti,a conti fatti. Lo preferisce ad Almici, punto fermo della retroguardia, e Mogos lo ripaga con una prestazione di sofferenza in fase difensiva e senza personalità davanti. Sarà anche il futuro terzino dell'Ascoli, ma la prova di oggi pone numerosi interrogativi.

AUGUSTYN 5.5: Non in perfette condizioni, il colosso bianconero soffre Ceravolo e non trova mai i tempi giusti per accorciarlo in avanti. Prestazione in calando rispetto agli standard delle ultime settimane.

MENGONI 6.5: Cuore e grinta per il corazziere bianconero, migliore oggi della retroguardia. Ci mette anima e corpo e salva anche un gol con un intervento in scivolata su Ceravolo a inizio primo tempo. Prestazione gagliarda e esemplare.

MIGNANELLI 5: Mezzo voto in più per il cross dal quale scaturisce il pari. Per il resto partita abbastanza sottotono e di sofferenza. Ammonito, era diffidato. Falco gli scappa via con troppa facilità.

ADDAE 7: Lotta come un dannato in ogni zolla, recuperatore instancabile di palloni e furore agonistico a mille per il ghanese che non ci sta a perdere e a retrocedere. Regge da solo il centrocampo nelle ripartenze altrui.

GIORGI 5: Gara incolore, troppi disimpegni errati e da uno con la sua qualità non ci si attende questa ampia dose di errori. Poche verticalizzazioni, troppe giocate sbagliate e poca lucidità.

ORSOLINI 6: Ha il merito di provocare il rosso di Lopez, va a fiammate ma risulta più efficace quest'oggi quando si sposta sulla sinistra. Poco preciso nell'ultimo passaggio.

CASSATA 4.5: Gara altamente negativa per il talentino di scuola Juve. Sbaglia tanto in fase di rifinitura e dimentica il concetto di fase difensiva, lasciando spesso sia Mogos che Mignanelli, già entrambi in ambasce, in balia dei loro dirimpettai. Una gara storta che ci sta, pazienza.

FAVILLI 5: Gara di fatica e sofferenza per il bomber bianconero che viene azionato poco e male dai suoi compagni, ma perde ogni duello fisico in quello che dovrebbe essere il suo campo. Poco puntuale anche negli inserimenti sottoporta.

CACIA 5: Giudizio identico a quello del compagno, appare solo due volte. La prima con un cross per Cassata e la seconda con una bicicletta alta a metà ripresa. Troppo poco per il bomber bianconero.

BENTIVEGNA 6: Semina il panico in un paio di circostanze, dimostrando come in questa fase del campionato serva chi ha gamba e forza di volontà. Prova con personalità a puntare il dirimpettaio avversario, almeno crea pericoli alla retroguardia.

PEREZ 6.5:Il suo ingresso in campo fa si che all'Ascoli si accenda la spina. Porta scompiglio, salta, sgomita e lotta. Atteggiamento giusto per una squadra che deve salvarsi.

CARPANI 6.5:Esattamente come Perez, ha gamba e inserimenti, meriterebbe di giocare di più. Il suo ingresso mette a disagio la schierata retroguardia ospite.

AGLIETTI 4.5: Oggi possiamo dirlo : Baroni ci impartisce una lezione di calcio. Aldilà dei singoli o dei nomi, l'Ascoli appare svuotato di idee e senza birra a livello psicologico. L'espulsione iniziale penalizza la squadra, costringendola a fare la partita, cosa che non sa fare. L'atteggiamento non è di una squadra che vuole salvarsi , con un tempo regalato. Manovra lenta e farraginosa, mai ad azionare gli esterni, pericolosi solo quando vengono invertiti. Tatticamente, la scelta di Mogos si rivela errata, e appare visibile ai più come Carpani non possa restare fuori da quest'undici, anche sacrificando una delle due punte in apertura di gara sull'altare di un precario equilibrio di gioco.