“Mancato ritorno ad Ascoli? Il mio assistito ha ancora un contratto di un anno, ad inizio stagione però c’è stata la separazione. Non c’erano le condizioni per il ritorno, perché sono state fatte promesse poi non mantenute”. Così a TuttoMercatoWeb Crescenzo Cecere, avvocato di Davide Dionigi che cura gli interessi dell’allenatore insieme ad Oscar Damiani.

Quando parla di promesse non mantenute si riferisce al mancato rinnovo con adeguamento?
“Si. Gli accordi erano quelli. Il presidente però ha deciso di cambiare idea credo dopo la partita contro il Benevento. Dionigi ha valorizzato gran parte dell’organico, tanti calciatori oggi giocano in A e in B. Oltre a salvare la squadra ha creato patrimonio e dato entusiasmo alla piazza”.

Sezione: Focus / Data: Lun 30 novembre 2020 alle 14:30 / Fonte: Tuttomercatoweb.com
Autore: Redazione TuttoAscoliCalcio / Twitter: @TuttoAscoli
Vedi letture
Print