Il contatto c'è stato, ma non ha avuto l'esito sperato. La Lega e l'Aic ieri si sono scoperte lontane sul tema degli stipendi. Non tanto sui tagli, perché ormai è chiaro che ci dovranno essere trattative "private" tra ogni club e il relativo spogliatoio (in alcuni casi potrebbe non bastare neppure questo: c'è il rischio del... caso per caso), quanto sul congelamento degli stipendi da marzo a giugno, ovvero quelli maturati o che matureranno dopo lo scoppio del Coronavirus in Italia. Mentre le società aspettano il 2 maggio per capire come si comporteranno i broadcast con il pagamento dell'ultima rata dei diritti tv, il presidente Dal Pino e l'ad De Siervo stanno provando a impedire uno... scontro a fuoco tra i proprietari e i calciatori riguardo agli ultimi 4 stipendi di questo 2019-20. La questione per il momento è molto tecnica, ma diventerà estremamente pratica (o addirittura potenzialmente "cruenta") tra qualche settimane. Meglio dunque trovare un'intesa in tempi brevi. Ecco perché entro venerdì sarà affrontata di nuovo, nella speranza di arrivare a una fumata bianca.

Sezione: News / Data: Mer 01 aprile 2020 alle 12:30 / Fonte: Corriere dello Sport
Autore: Redazione TuttoAscoliCalcio / Twitter: @TuttoAscoli
Vedi letture
Print