Leali 6.5: Bravo ancora una volta sulle bordate di Gargiulo e Vita. Nulla può sul gol di Tavernelli.

Pucino 5.5: L’errore, grave, che fa pochi minuti prima del gol, quando regala un corner agli avversari, è il sentore che fa perdere certezze alla squadra. E macchia una gara da parte sua fin lì discreta.

Brosco 6: Disputa una gara attenta e quadrata con due avversari tosti. Peccato che si ritrovi, suo malgrado e involontariamente, a essere sfortunato protagonista nell’occasione del vantaggio avversario con la respinta fatta alla meno peggio proprio sui piedi di Tavernelli.

Quaranta 6: Si, è vero, pare che giochi una gara granitica e concentrata. Però è pur vero che gli avversari tirano in porta più di una volta, quindi ci sembra che più del 6 non possiamo dargli perché comunque ci mette tutte le energie del caso e limita i danni come può.

Kragl 6: Nel primo quarto d’ora soffre, quando lo punta Vita lo mette in crisi. Poi cresce di tono vincendo diversi contrasti. Nel finale torna all’arrembaggio, ma stavolta il miracolo non riesce.

Buchel 5.5: Si vede poco ma si sente abbastanza nel primo tempo, quando il suo spiccato senso della posizione aiuta la retroguardia e supporta la costruzione. Nel finale però viene imbottigliato nel forcing dei padroni di casa e pian piano scompare.

Saric 6: Primo tempo da grande combattente, poi nella ripresa prende una botta molto forte che compromette in maniera evidente il suo restante spezzone di gara.

Gerbo 5.5: Nel primo tempo disputa una buona gara, condita anche con un paio di tentativi verso la porta di Maniero. Nella ripresa però è praticamente un ombra di se stesso fino ad essere sostituito.

Eramo 6.5: Il migliore del Picchio per gamba, pressing e inserimenti. Si fa sentire fin quando ne ha, poi crolla. Giocatore ritrovato.

Tupta 4.5: Una gara in cui a fronte di una cosa buona, ovvero l’assist a Bajic, ne sbaglia una moltitudine dimostrando che i lampi con la Reggina sono stati piuttosto isolati. 

Bajic 6: Il contrario di molti suoi compagni di reparto. Primo tempo in ombra, dove anche spreca una buona palla in avvio. Ripresa in crescita, tant’è che la sua esclusione dal match lascia piuttosto allibiti. 

Lico 4.5: Torna in campo dopo diverse settimane ma ancora una volta sciorina una prestazione deludente. Sembra non poter essere all’altezza di questa categoria.

Cangiano 5.5: Entra e fa poco, se non guadagnarsi una punizione. Complice anche una sistemazione tattica generale che lo sfavorisce assai.

Chiricó sv

Pierini sv

Pinna sv

All. Sottil 5: Prima sconfitta dal suo arrivo in Ascoli nella quale stavolta il mister ci mette veramente del suo. Togliere Bajic e tenere Tupta, scelto titolare senza motivo viste le buone gare recenti di Chiricó e Cangiano ,senza avere un altro attaccante in una gara del genere è piuttosto curioso. Inserire Lico, giocatore che non aveva giocato quasi mai e convinto mai nelle sue precedenti apparizioni, avendo in panchina Chiricó, Pinna, Pierini e Stoian è una mossa che denota stavolta scarsa lucidità nella lettura della gara. Peccato, perché il match era stato preparato bene e nel primo tempo la squadra aveva tenuto il campo con ordine e applicazione. La mossa di Eramo era stata anche azzeccata al posto di Sabiri. Ma se la volta scorsa la gara l’aveva decisa lui in positivo, quest’oggi la decide lui in negativo. Incidente di percorso, ora si deve già pensare al Chievo.

Sezione: Pagelle / Data: Sab 16 gennaio 2021 alle 16:50
Autore: Manuel Fioravanti
Vedi letture
Print