Una decisione assurda. Cervellotica. Insensata. Una scelta che lascia di sasso una grande fetta di tifosi (bianconeri e non) costretti a ''seguire'' (si fa per dire) le ultime 4 gare di campionato di serie B, le piu importanti, alle ore 14 di pomeriggio. Già, seguire. Ma chi le segue? Chi riesce a soffrire, tribolare, patire, urlare, tifare per la propria squadra del cuore a quell'ora, dovrà ritenersi davvero fortunato. Perchè la larga parte della popolazione non può, per ovvi motivi lavorativi. Questo è il calcio che viene propinato ai tifosi ? Siamo sicuri che la serie B possa davvero soprannominarsi ''il campionato piu amato dagli italiani'' ? E se cosi fosse, secondo quali dinamiche? Perché allora si prova in tutti i modi a far si che gli italiani se ne distacchino? Secondo quali logiche, con gli stadi chiusi (o aperti al minimo) i supporters delle sono per larga parte costretti a ''non vedere'' la fase finale,decisiva, del torneo? E nella fattispecie, una lotta per ottenere una salvezza che avrebbe del miracoloso da parte dell'Ascoli, trasmessa in questi orari, lascia veramente l'amaro in bocca. Siamo delusi, amareggiati, sconsolati da questo calcio che prende decisioni ormai da tempo senza il benché minimo rispetto di tutti gli appassionati e di tutti coloro che questo calcio, lo fanno vivere, ardere, bruciare con la loro passione. Probabilmente, anzi sicuramente, questo pezzo non cambierà nulla, ma esprimere il proprio dissenso per un torneo che vede i tre quarti delle gare invernali giocarsi di sera e quelle decisive giocarsi di primo pomeriggio in estate, è assolutamente necessario. 

Sezione: Primo Piano / Data: Mar 20 aprile 2021 alle 17:11
Autore: Manuel Fioravanti
Vedi letture
Print