Mister Bertotto, al termine della seduta di rifinitura al Picchio Village, ha presentato la sfida di domani pomeriggio, la terza in una settimana, con la Salernitana alle ore 14 allo stadio “Arechi”.

Mister, terzo appuntamento in una settimana, medita qualche cambio tecnico-tattico? ”Come ho detto considero tutti dei potenziali titolari da giudicare in base allo stato di forma che mi permette poi la scelta degli elementi che mi possono garantire presenza e qualità di altissimo livello. E’ chiaro che c’è chi giocherà di più e i miei calciatori sanno che essendo un campionato lungo, tutti devono dare il meglio in allenamento e in partita”.

Domani affrontate la Salernitana, che squadra si aspetta?  “Una squadra in un momento decisamente positivo. Avversario tosto, tignoso guidato da un tecnico capace con tanti anni di esperienza. Noi come al solito ci faremo trovare pronti e consapevoli di affrontare una squadra forte e che ritroverà uno stadio riscaldato della presenza di alcuni tifosi. Tutti elementi che devono incrementare il nostro desiderio di continuità, di qualità e di voler dimostrare di essere una formazione in grado di poter sorprendere”.

Come avete vissuto nel post-Reggiana l’ansia dovuta alla potenziale positività di alcuni suoi giocatori? “Ahimé fa parte della nostra quotidianità, anche la nostra vita è cambiata nella gestione degli eventi quotidiani. Nel lavoro cerchiamo di evitare le situazioni rischiose anche seguendo un protocollo rigido. La partita va preparata anche in funzione dei risultati dei tamponi, dobbiamo saper convivere con queste situazioni”.


Un parere sulla vittoria interna contro la Reggiana? “Sono sicuramente soddisfatto e ringrazio i giocatori per il lavoro svolto in settimana ma dobbiamo capitalizzare di più le occasioni che produciamo per permettere alla gestione della partita di percorrere la strada giusta e guadagnare lucidità. E’ probabile che domani tatticamente ci saranno alcune piccole variazioni all’interno della nostra filosofia di gioco. I ragazzi le hanno metabolizzate e sanno che ogni partita servirà ad incrementare la nostra crescita. Siamo la squadra che ha la percentuale più alta di tiri in porta,sii, ma dobbiamo migliorare sensibilmente la fase realizzativa”.

Sezione: Primo Piano / Data: Ven 23 ottobre 2020 alle 14:03
Autore: Edoardo Ciriaci
Vedi letture
Print