L'Ascoli non riesce a vincere. Un solo punto conquistato dai bianconeri nelle prime tre giornate. Sicuramente, per quanto espresso dalla squadra in tutte le partite, l'Ascoli meritava qualche punto in più, ma cosi non è. Il Picchio si ritrova ultimo in classifica con un solo punticino messo in cascina. Nulla da dire alla squadra che, anche contro il Frosinone, ha dominato ma non è riuscita nell'obiettivo finale, vincere. Rabbia, voglia e qualità ci sono, ora servono i punti.

Sempre la stessa storia. Cambiano le stagioni ma Frosinone resta una delle trasferte peggiori. Non tanto per i risultati, ma per l'operato degli arbitri. Anche questa volta l'Ascoli è stato penalizzato da due rigori netti non concessi per due falli di mano in area. Due decisioni che hanno chiaramente cambiato il corso della partita in favore dei ciociari che, oltre a non giocare hanno anche ricevuto il solito aiutino.

Attacco spuntato. Ci vuole tempo è vero. Gli attaccanti sono nuovi cosi come la gran parte della squadra. Ma è evidente che li davanti si può e si deve fare meglio. Contro il Frosinone le occasioni create sono state tante, ma i gol zero. L'Ascoli ci è andato sempre vicino, ma negli ultimi metri è venuto a mancare. Un solo gol segnato nelle prime tre partite, da Cavion che è un centrocampista. L'attacco stenta, Bertotto ci deve lavorare. Se vogliamo vedere il pelo nell'uovo, forse la sterilità offensiva è l'unica pecca di un Ascoli che c'è ma al quale mancano i gol e i punti.

Sezione: Primo Piano / Data: Dom 18 ottobre 2020 alle 11:00
Autore: Redazione TuttoAscoliCalcio / Twitter: @TuttoAscoli
Vedi letture
Print