Il senso di responsabilità degli azionisti dell'Ascoli calcio ha prevalso sulle tensioni societarie delle ultime settimane in un momento delicato non solo per il sodalizio di corso Vittorio Emanuele ma per tutta la serie B. Chi si aspettava una vulcanica assemblea dei soci con porte sbattute in faccia e addii dolorosi ha sbagliato previsione. Ieri, infatti, l'assemblea dei soci ha approvato la trimestrale del 2020 che comunque si chiude in rosso. Ci sono circa tre milioni di euro di perdite da ripianare che comunque il maggiore azionista Massimo Pulcinelli (90% delle quote) e i soci ascolani Giuliano Tosti e Gianluca Ciccoianni (10%) si sono impegnati a coprire economicamente.

Sezione: Rassegna Stampa / Data: Sab 30 maggio 2020 alle 12:00 / Fonte: Corriere Adriatico
Autore: Redazione TuttoAscoliCalcio / Twitter: @TuttoAscoli
Vedi letture
Print