Brucia ancora il pareggio contro la Juve Stabia. L’Ascoli, raggiunto all’ultimo respiro, ha gettato al vento due punti che avrebbero avvicinato ulteriormente alla zona playoff. Ma la buona notizia per l’Ascoli, è che la classifica è ancora molto corta, quindi niente è perduto. A parte il Benevento che sta disputando un campionato a parte, tutte le altre sono racchiuse in pochi punti. Basta pensare che l’Ascoli ha 31 punti e il Crotone, secondo in classifica, ne ha 37. Insomma, c’è tutto il tempo per poter recuperare posizioni e tornare nella zona che l’Ascoli vuole raggiungere e consolidare fino al termine del campionato. 

La chiave, discorso che vale per tutte le altre squadre, è quello di trovare continuità. Fatta eccezione per il già citato Benevento, nessuna squadra di B è mai riuscita ad avere continuità nei risultati ed ecco perché la classifica è molto corta. L’Ascoli però, non deve solo trovare continuità, ma deve tornare a vincere già contro lo Spezia. In questo campionato, anche vincendo una partita ogni squadra potrebbe rilanciarsi in classifica, trovare poi la giusta continuità sarebbe come raggiungere l’apoteosi. 

In quest’ottica, diventa a dir poco fondamentale il prossimo match contro lo Spezia. L’Ascoli non può permettersi di rimandare l’incontro con i tre punti. Perdendo infatti, l’Ascoli si ritroverebbe non solo più lontano dai playoff, ma anche vicinissimo alla zona playout che al momento dista a 4 punti. Insomma, il Picchio deve uscire il prima possibile da questo limbo e per riuscirci deve vincere e continuare a farlo.

Sezione: Editoriale / Data: Mar 11 febbraio 2020 alle 14:20
Autore: Redazione TuttoAscoliCalcio / Twitter: @TuttoAscoli
Vedi letture
Print