Era sulla panchina dell'Ancona in quella stagione 2002 - 03 quando, noi ascolani, fummo costretti ad assistere alla promozione in massima Serie degli odiati cugini. Un successo per i biancorossi che, con uno storico quarto posto, ottennero il pass per la Serie A (poi abbandonata in modo poco onorevole solo 12 mesi dopo). Gigi Simoni era il mister dei Dorici e, con loro, conquistò l'ultima grande gioia degli odiati cugini marchigiani. Quell'allenatore, che aveva conquistato una Coppa Uefa con l'Inter ed era arrivato ad un passo dalla conquista dello scudetto, aveva deciso di ripartire dalla cadetteria, lasciando un segno positivo in una sola stagione. Quell'allenatore lì, oggi, ci lascia. Gigi Simoni si è spento questa mattina, all'età di 81 anni. Non staremo qui a raccontare tutta la sua lunghissima carriera, fatta di successi e di sconfitte - come per ogni sportivo - ma ci soffermeremo sulla sua immancabile signoriltà e capacità di comunicare il calcio con i guanti bianchi, senza troppe strilla e senza colpi di testa. Un rivale, certo, per ovvi motivi, ma un rivale gentiluomo.

Tutta la Redazione si stringe attorno alla famiglia Simoni.

Ciao Gigi, vai ad insegnare calcio agli angeli

Sezione: Esclusiva / Data: Ven 22 maggio 2020 alle 15:51
Autore: Paride Paci
Vedi letture
Print