La gioia per il vantaggio, la disperazione per la rimonta, l'incredulità e l'amarezza per un viaggio di ritorno da fare senza aver guadagnato punti in classifica. È un turbinio di emozioni il pomeriggio al Castellani per i 250 tifosi del Picchio presenti nel settore ospiti: sciarpe al cielo e bandiere al vento colorano di bianconero lo spicchio dell'impianto toscano, che esplode di gioia al 24' quando Brosco svetta più in alto di tutti e regala il vantaggio all'Ascoli. I fischi assordanti del Castellani svegliano però i padroni di casa, che nella ripresa trovano il pari con la punizione di Balkovec. Un duro colpo da digerire per i supporter bianconeri, che non smettono però di incitare Ninkovic e compagni. Il rigore fallito da La Gumina viene festeggiato come un gol, ma i miracoli di Brignoli su Ardemagni e Brlek fanno disperare i tifosi bianconeri che già assaporavano il nuovo vantaggio. Il finale è atroce: La Gumina fa esplodere il Castellani al 93', un giro di lancette e Brignoli è ancora miracoloso blindando la porta sulla zuccata di Ardemagni. Cala il sipario, l'Ascoli cade ancora in trasferta ma i giocatori ricevono gli applausi dei propri sostenitori per una prestazione gagliarda. Poi si riparte verso il Piceno, dopo tre trasferte e tanti chilometri macinati in una settimana: sabato, finalmente, sarà di nuovo Del Duca. 

Sezione: Rassegna Stampa / Data: Dom 08 dicembre 2019 alle 13:00 / Fonte: Corriere Adriatico
Autore: Redazione TuttoAscoliCalcio / Twitter: @TuttoAscoli
Vedi letture
Print