E' stata una settimana piuttosto produttiva, quella che sta terminando in casa Ascoli, dal punto di vista del mercato. E il fine settimana si annuncia pimpante e vivace dal punto di vista delle ufficialità. Ducci e Bifulco stanno lavorando senza un secondo di tregua per completare prima possibile la rosa a disposizione di mister Bertotto. Andiamo a vedere reparto per reparto cosa è accaduto.

PORTIERI : Leali è il portiere che partirà titolare. Ndiaye è stato ingaggiato per essere il suo vice, ma successivamente, causa qualche acciacco, dal Bologna è arrivato Sarr, portiere con già circa 40 presenze in lega pro. Probabilmente ci sarà una sana competizione tutto l'anno per assicurarsi il ruolo di ''secondo portiere'' e, perchè no, ambire anche alla titolarità.

DIFENSORI : Mercato in fermento quello dei difensori. In uscita, si continuano a cercare situazioni favorevoli per Laverone e Pucino, al momento ai margini del progetto tecnico, mentre in entrata c'è tanto movimento. Ufficializzato stamattina il difensore Corbo, che ha già qualche presenza in A col Bologna. Un 2000 veramente interessante che è pronto a battagliare per un posto da titolare. Insieme a lui, qualche giorno fa è stato il turno del terzino del Frosinone, Ghazoini, nazionale marocchino, classe 2001, giovane ma ritenuto già pronto per ambire alla titolarità fin dalla gara di Brescia. Potente e veloce, è un calciatore che potrebbe esplodere da un momento all'altro. L'Ascoli lo ha messo sotto contratto, come ha messo sotto contratto il greco Avlonitis, granatiere alto 196cm ed ex titolare dello Sturm Graz, una delle principali squadre austriache. Sarà lui il primo indiziato a far coppia con Brosco, che appare sempre piu' vicino alla permanenza. Le altre alternative sono Quaranta e De Alcantara. A sinistra, ormai definito l'arrivo di Sarzi Puttini, veloce terzino anno 1996, che contenderà una maglia da titolare a Padoin. Arriva dal Carpi a titolo definitivo. Sono partiti Ranieri, Sernicola, Andreoni, Valentini e Gravillon, oltre a Ferigra, per il quale si valuta un ritorno. Ma non finisce qui. La batteria dei terzini potrebbe arricchirsi di un jolly importante, proveniente dalla serie A e in grado di giocare su ambedue le corsie.

CENTROCAMPISTI: Una vera e propria rivoluzione quella effettuata nella fascia centrale del campo. Proprio quel ruolo che lo scorso anno era stato il punto dolente della squadra, e che ha visto diverse partenze (Brlek, Piccinocchi, Troiano) e numerosi calciatori sul mercato. Si tratta di Petrucci, Gerbo ed Eramo, che ancora sono in rosa ma che valutano diverse proposte. Ma gli arrivi sono stati altrettanto importanti. Perchè davanti alla difesa il prescelto è stato Buchel, nazionale del Lichtestein, piedi gentili e visione di gioco da serie A, ma condannato nell'ultima parte di carriera da una serie di infortuni dal quale si è prontamente ristabilito. Classe 1990, pronto a riprendere il discorso laddove lo aveva interrotto due anni fa, ovvero a Verona in A. Il vero e proprio colpo del mercato al momento, è però l'arrivo del centrocampista Donis dal Panathinaikos. Vanta piu di 100 presenze col massimo club greco, e ha indossato piu volte la fascia di capitano. Abile a agire sia davanti alla difesa con compiti piu' difensivi, che da mezzala con compiti di corsa e spirito di sacrificio. Il primo acquisto invece, è stato quello di Saric, per il quale l'Ascoli ha speso 330mila euro per il cartellino dal Carpi, oltreche un ricco triennale al ragazzo. A lui il compito di essere la mezzala di qualità, probabilmente a sinistra, della squadra di Bertotto. Ancora in bilico la posizione di Michele Cavion. Il calciatore, che ha chiesto di essere ceduto, è finito nelle mire del Brescia, la cui offerta però non soddisfa appieno il trio Pulcinelli-Ducci-Bifulco. L'Ascoli non ha bisogno di svendere e di conseguenza attende offerte congrue. Ancora in piedi invece l'acquisto di Lovric, centrocampista del Lugano, il quale però rischia di essere un approdo che si concretizzerà nella fase finale del mercato. Non esclusi altri ''innesti''.

ATTACCO : E' il reparto che, allo stato attuale, ha bisogno di maggiori cure. Ninkovic al momento è solo un ricordo, Scamacca e Trotta sono tornati alle rispettive società, anche se per quest'ultimo non è ancora escluso un rientro in prestito in bianconero. Chaija non è stato utilizzato molto finora, ed è nel mezzo della suddetta trattativa per l'arrivo di Lovric col Lugano. Praticamente fatto l'arrivo di Mallè dall'Udinese. E' un esterno d'attacco che fa della corsa e della potenza il suo pane quotidiano. Un altro giocatore nel mirino della società bianconera è Cosimo Chiricò. Esterno mancino che può giocare indipendentemente a destra e a sinistra, sta decidendo le sue sorti. L'offerta dell'Ascoli è sulla base di un biennale, e il ragazzo ha chiesto un paio di giorni, leciti, per pensarci. Lunedi potrebbero esserci novità. Altri esterni nel mirino dell'Ascoli sono Antonucci della Roma e Ragusa, classe 90, lo scorso anno punto di forza dello Spezia con cui ha realizzato anche 8 reti. Sarebbe un arrivo che coronerebbe un mercato importante, cosi come potrebbe essere la ciliegina sulla torta l'arrivo di Nzola. Giocatore potente e veloce anche lui, è tornato al Trapani ma non ha nessuna intenzione di restare in Lega Pro. L' Ascoli sta monitorando la situazione, forte di un principio di accordo con la società siciliana. Ma deve fare i conti con le richieste di mercato del giocatore, che ha estimatori sia in A (Spezia e Crotone) che in B (ChievoVerona). Situazione anche questa che si potrebbe sbloccare nelle ultime ore di mercato. Nel frattempo i bianconeri potrebbero cautelarsi con l'arrivo di Iacopo Cernigoi. Centravanti puro, fisicità importante, dopo diversi anni in Lega Pro (l'ultimo a San Bendetto), potrebbe avere la sua giusta occasione all'ombra delle cento Torri. L'idea potrebbe essere quella di pigiare sull'acceleratore per averlo a disposizione contro il Brescia, vista la scarsità del reparto offensivo al momento a disposizione di Bertotto, per poi riservarsi le ultime due settimane di mercato per ingaggiare un centravanti importante da affiancargli, in maniera tale da avere due attaccanti centrali che, oltre a ruotarsi, coesistano anche all'interno dello stesso sistema di gioco, dando a mister Bertotto la possibilità di variare dal 4-3-3 al 4-3-1-2. Sondati anche il centravanti della Juve Stabia Forte,autore di ben 17 reti lo scorso anno, e Galabinov, che sta attendendo di capire le intenzioni dello Spezia in serie A. 

Sezione: Focus / Data: Sab 19 settembre 2020 alle 11:30
Autore: Manuel Fioravanti
Vedi letture
Print