Andrea Sottil ha parlato a due giorni dalla sfida contro il Pordenone: "La settimana è stata ottima, ci siamo confrontati su questo mini momento particolare, dove dovevamo fare meglio determinate cose. Sono dell'idea che siamo noi che determiniamo i risultati, niente arriva per caso. Questa squadra ha dimostrato sul campo che sta facendo bene. Contro la Salernitana dovevamo essere più concentrati e dentro la partita. Ma i ragazzi sono intelligenti, professionisti umili che fanno le proprie considerazioni. Siamo ripartiti con una grande settimane di lavoro, con grande entusiasmo, convinti di riprendere il nostro cammino. La partenza anticipata conferma questo. Il fatto di arrivare prima, smaltire il viaggio lungo e di prepararci ad entrare in un clima di serenità, lucidità e concentrazione che ci è mancata contro la Salernitana".

Due sconfitte, le ultime dell'Ascoli, arrivate in modo differente: "Si, ma sempre sconfitte sono. Oggi dobbiamo avere ancora di più le antenne dritte. Abbiamo parlato di questo. Il responsabile sono io, sono io che preparo le partite, ma ognuno deve assumersi le proprie responsabilità, metterci qualcosa in più e tutti quanti siamo d'accordo, io e i ragazzi che poi siamo un'unica cosa. Dobbiamo fare qualcosa di più su tutti i parametri della partita, la concentrazione, la determinazione, la fluidità del gioco, essere più precisi e arrabbiati degli avversari. Questo è quello che vuol dire in termini pratici stare con le antenne dritte".

Ascoli con diverse defezioni: "Mi dispiace, ma fanno parte del gioco soprattutto le squalifiche. Gli infortuni di Kragl e Bidaoui si sono allungati e lo sospettavamo. Parigini ha un risentimento muscolare all'adduttore da smaltire, finchè non lo smaltisce non riesce ad allenarsi a una determinata intensità".

Che risposta si aspetta dalla squadra: "Devo fare i complimenti ai ragazzi e alla società, mi sono stati vicini in questo bruttissimo momento che mi è capitato. Sono sicuro che, per quello che si è creato tra me e i ragazzi, non c'è bisogno di dire niente. Sono convinto che faremo una grande prestazione per 100 minuti, di grande battaglia. Ho visto nei loro occhi, grande tensione e voglia di riscatto".

Ascoli atteso da un trittico di partite: "Stiamo andando verso le ultime 14. Sono tutte fondamentali, ma dobbiamo uscire da questo primo step di tre partite con il massimo dei punti. Più punti facciamo e meglio è".

Cosa vi ha detto Pulcinelli: "E' stato molto importante quello che ha detto. Ha fatto un discorso semplice ma molto chiaro e umano. Ci ha detto che è molto vicino a noi anche se non può sempre seguire la squadra per impegni di lavoro. Ha fatto sentire la sua vicinanza e la grande voglia di salvare questo progetto, di continuarlo perchè si possono fare grandi cose. Ha ribadito la grande stima che ha nei ragazzi, perchè la ritiene una squadra competitiva, formata da professionisti seri. Gli ha fatto i complimenti e ha spronato i ragazzi a continuare e fare risultati importanti".

Sezione: Primo Piano / Data: Gio 25 febbraio 2021 alle 14:22
Autore: Redazione TuttoAscoliCalcio / Twitter: @TuttoAscoli
Vedi letture
Print