«Squadra di merda. Squadra di merda. Squadra di merda». Un labiale ripetuto tre volte e indirizzato verso la panchina bianconera, quello di Alessio Da Cruz, evidenziato anche dalle telecamere al momento della sua espulsione, prima della sceneggiata finale sotto la curva dei tifosi dell'Ascoli. E meno male che il giocatore nella sua intervista (non autorizzata dalla società) ha riferito che era calmo. Definire la sua squadra di merda, sputare in direzione dei tifosi e dare in escandescenze al rientro negli spogliatoi, non depone sicuramente a suo favore.

Sezione: Rassegna Stampa / Data: Lun 20 gennaio 2020 alle 09:00 / Fonte: Corriere Adriatico
Autore: Redazione TuttoAscoliCalcio / Twitter: @TuttoAscoli
Vedi letture
Print