A Bertotto erano già stati concessi altri 15 giorni, nel mezzo il rinvio della gara contro il Pisa. Domenica scorsa la musica non è cambiata: l'Ascoli ha disputato una gara sotto tono contro un mediocre Entella a al termine della contesa era stato lo stesso patron Massimo Pulcinelli a far capire chiaramente che il rischio esonero era molto grande, quasi scontato. Pulcinelli era arrabbiato. «L'esonero è probabile» aveva detto chiaro e tondo facendo presagire un esonero celere. Cosa sia successo poi nelle ore successive si può solo immaginare: qualcuno dell'entourage gli avrà fatto cambiare idea, magari proprio chi in estate gli aveva proposto Bertotto credendo fortemente nella qualità di questo allenatore. Un tenico che però finora non aveva brillato collezionando solo esoneri, senza mai avere allenato in serie B a 47 anni. Il risultato è che l'Ascoli si ritrova in fondo alla classifica con una squadra che (forse) poteva stare in un'altra posizione e con davanti un calendario niente affatto facile. Si comincia sabato, quando i bianconeri saranno impegnati a Venezia. 

Sezione: News / Data: Mer 25 novembre 2020 alle 12:00 / Fonte: Corriere Adriatico
Autore: Redazione TuttoAscoliCalcio / Twitter: @TuttoAscoli
Vedi letture
Print