Il direttore dell'Ascoli Ciro Polito ha così commentato la salvezza conquistata dall'Ascoli:

“Sono abituato a dare al lavoro una impronta piramidale, nel calcio più snella è la Società e più si ottiene. Quando si sbaglia ci sono Direttore, Allenatore, Patron e squadra. Quando incontrai il Patron la prima volta a Roma gli dissi che nel momento in cui non avrei potuto più incidere, non ci sarei stato più. Cosenza è stato il punto più basso dal mio arrivo. Dopo quella partita ho detto al Patron “Ti porterò alla salvezza”. Il giorno successivo ho tirato fuori gli artigli, ho avuto uno scontro forte con la squadra e c’è stato un confronto fra i ragazzi. Da lì siamo ripartiti fino ad arrivare con una giornata di anticipo a una salvezza insperata, un’impresa quasi impossibile. Ringrazio il Patron, che ha messo tanti soldi in questa società e che mi ha dato carta bianca, ringrazio la mia famiglia e una città che non ha potuto vivere insieme a noi questa gioia. Ringrazio i magazzinieri, i fisioterapisti, i dottori, la sede, l’addetto stampa, il team manager, professionista di altissimo livello”.

Sezione: Focus / Data: Ven 07 maggio 2021 alle 23:08
Autore: Redazione TuttoAscoliCalcio / Twitter: @TuttoAscoli
Vedi letture
Print