Il mondo del calcio è in difficoltà e allora si chiede aiuto anche a quei calciatori di serie A che hanno guadagni esorbitanti. «Forse è giusto che chi ha maggiori possibilità cerchi di aiutare gli altri», ha dichiarato il presidente del Coni Giovanni Malagò in un intervista radio. È chiaro che in B gli ingaggi sono più bassi e in un momento come questo appare difficile pensare alle trattative di mercato che magari potrebbero portare introiti con la cessione di qualche calciatore. In tutto questo contesto c’è un campionato che probabilmente non ripartirà e che, se lo farà, andrà avanti anche nei mesi estivi, perché in Italia c’è ancora piena emergenza per il Coronavirus.

Sezione: News / Data: Dom 29 marzo 2020 alle 17:00 / Fonte: Corriere Adriatico
Autore: Redazione TuttoAscoliCalcio / Twitter: @TuttoAscoli
Vedi letture
Print