Il campionato 2019/20 si è chiuso con l'immagine più significativa di un intero percorso bianconero. Un'immagine che rimane impressa è il pianto di Nikola Ninkovic quando il tecnico Davide Dionigi gli si avvicina per abbracciarlo: un pianto chiaramente liberatorio quello del giocatore serbo che anche ieri ha messo in campo cuore e tecnica anche se non sono bastati per regalare punti alla sua squadra. Ninkovic è stato il leader di questo Ascoli. Nonostante la sconfitta, l'Ascoli può festeggiare la salvezza grazie alle vittorie di Venezia sul Perugia e del Chievo sul Pescara. Il Benevento come era prevedibile non ha regalato nulla, di regali ne aveva fatti fin troppi nelle gare precedenti dopo aver conquistato la promozione, quindi ad Ascoli ha giocato una partita vera. I bianconeri non hanno disputato una gran partita ma per fortuna è stato schivato il pericolo. Al termine della partita, squadra e staff si sono ritrovati in mezzo al campo tutti in cerchio ad aspettare il risultato finale dagli altri campi. Poi la grande gioia, il grande abbraccio, mentre fuori i tifosi dell'Ascoli protestavano contro i giocatori del Benevento ed è intervenuta anche la polizia.

Sezione: News / Data: Sab 01 agosto 2020 alle 12:00 / Fonte: Corriere Adriatico
Autore: Redazione TuttoAscoliCalcio / Twitter: @TuttoAscoli
Vedi letture
Print