Il direttore generale dell’Ascoli, Gianni Lovato, interviene sulla possibilità di ripresa dei campionati. «Di mesi davanti prima della prossima stagione ne abbiamo ancora tanti e penso che le istituzioni calcistiche abbiano il dovere di approntare scenari credibili sia nel caso le cose vadano per le lunghe, sia in quello che profilano alcuni modelli matematici, secondo i quali a metà maggio i contagi dovrebbero esaurirsi. Leggo e sento pareri su come rimettere in moto la macchina calcio quando, speriamo il prima possibile, l’emergenza Coronavirus sarà finita, ma spesso si tratta di dichiarazioni indotte da personali situazioni di classifica. A mio parere servono scelte condivise che partano, oltre che dalla primaria e fondamentale valutazione sanitaria, da riflessioni di ordine sportivo ed economico. Il calcio italiano fa leva soprattutto sui proventi dei diritti televisivi, per far sì che Sky e Dazn possano portare a compimento i propri impegni, è necessario concludere la stagione». Giocare in estate non sarebbe un problema. «Si potrebbe ipotizzare una ripresa dei tornei a inizio giugno e, a quel punto, andare avanti anche fino al termine di agosto. La scadenza dei contratti al 30 giugno? Scadenza formale, può essere modificata».

Sezione: Primo Piano / Data: Mer 01 aprile 2020 alle 10:41 / Fonte: Corriere dello Sport
Autore: Redazione TuttoAscoliCalcio / Twitter: @TuttoAscoli
Vedi letture
Print