Leali 5.5: Tiro non irresistibile ma comunque angolatissimo, lascia l'impressione che con un pizzico in piu' di reattività poteva arrivarci. Per il resto fa buona guardia.

Ferigra 5.5: Dalla sua parte nascono i pericoli maggiori, come il gol. L'intesa con Andreoni non è sicuramente delle migliori.

Valentini 6: Tosto e tonico su Marconi al quale lascia le briciole. Disputa la sua onesta gara.

Gravillon 6.5: Il migliore là dietro, tenta con estrema generosità anche diverse sortite davanti che però sono improduttive.

Andreoni 5: Quando Lisi parte lui fa fatica a tenerlo. Lotta con generosità e grinta, ma la sua zona è martoriata dagli attacchi neroazzurri.

Cavion 6: Primo tempo da 7 pieno. Nella ripresa, col fardello psicologico del gol subito, sul quale subisce un ingiustizia plateale, sembra smarrirsi, giocando da 5. La media è presto fatta.

Brlek 6: Risulta sempre molto ordinato nel palleggio, ma non osa mai una giocata in verticale che pure ha nelle sue corde.

Sernicola 7: Sfonda spesso sulla fascia e sforna assist a ripetizione sui quali gli avanti bianconeri risultano imprecisi. Bene anche in fase difensiva, ma non è certo una novità.

Eramo 5.5: Partita oscura sui mediani del Pisa, non trova mai però il break sul quale Dionigi contava molto per capovolgere l'azione bianconera.

Trotta 5.5: Regge poco palla, soffre la stretta marcatura di Varnier e si dimostra poco cattivo in qualche palla vagante che gli perviene in area.

Ninkovic 6.5: E' l'uomo piu in forma e il piu temuto dai pisani che gli riservano un trattamento consono. Ma lui riesce ugualmente a rendersi pericoloso con alcune giocate che mettono i brividi ai difendenti neroblu.

Scamacca 5.5: Entra e mette in ambasce la retroguardia toscana, mostrando ben piu' presenza e stazza negli ultimi 20 metri e aiutando l'Ascoli a salire. Ma la palla che spreca sul cross di Sernicola è decisiva ai fini del risultato. Si rifarà venerdi, ne siamo certi.

Petrucci 6: Regista arretrato, tocca tanti palloni dal momento del suo ingresso e tutti con buona intelligenza.

Padoin 5.5: Meglio di Andreoni, ma non decisivo come nelle ultime uscite bianconere.

Morosini 5.5: Dionigi lo butta nella mischia per cercare il cambio di passo, lui parte bene ma si eclissa col passare dei minuti.

Diogo Pinto 5.5: Stavolta, al contrario di Crotone e Cittadella, da poco peso alla sua presenza in campo.

All. Dionigi 6: La squadra soffre ma tiene botta, subisce il gol e continua a giocare tenendo sempre in apprensione il Pisa. Partita preparata bene e cambi ottimali, ma contro gli errori arbitrali lui può ben poco.

Sezione: Copertina / Data: Mar 28 luglio 2020 alle 11:23
Autore: Manuel Fioravanti
Vedi letture
Print