Un gruppo vero. Una squadra ricompattata. Un Ascoli rinato. Un Picchio umile e operaio, come il suo allenatore. Un Ascoli che vuole questa salvezza, con le unghie e con i denti. Terza vittoria consecutiva, seconda in quattro giorni al Del Duca. Tre squadre sorpassate in una sola serata, una gara vinta grazie alle scelte di mister Dionigi: il condottiero bianconero decide di affrontare l'Empoli rinunciando al terzo attaccante puro e rivoluzionando due terzi della difesa: c'è il solo Ranieri tra i reduci dalle due vittorie contro Cosenza e Salernitana, Valentini e il rientrante Gravillon sostituiscono Brosco e Ferigra davanti a Leali. 
In attacco torna Scamacca supportato dal solito Ninkovic, Dionigi lascia in panchina Morosini e schiera per la prima volta da titolare Eramo nel ruolo di trequartista con licenza di inserirsi tra le linee. Ed è una scelta azzeccatissima: da vedere e rivedere il destro al volo di collo pieno con cui Eramo impatta la sfera splendidamente servita da Sernicola, sull'asse degli ex Entella il Picchio confeziona il meritato 1-0. 

Sezione: News / Data: Mar 14 luglio 2020 alle 12:00 / Fonte: Corriere Adriatico
Autore: Redazione TuttoAscoliCalcio / Twitter: @TuttoAscoli
Vedi letture
Print